La postura e ciò che non diciamo tensioni muscolari

La postura e ciò che non diciamo

Le principali intuizioni di Alexander Lowen, padre dell’analisi bioenergetica, ruotano attorno al ruolo centrale della consapevolezza corporea nei processi emotivi. La persona deve incontrare la possibilità di esprimersi e avere padronanza di sé.

Lowen ha parlato molto della funzione mente/corpo delle 5 figure caratteriali, in relazione alla corrispondente ferita:
schizoide derivante da rifiuto, orale da abbandono, masochista da umiliazione, psicopatico da tradimento, rigido da ingiustizia.

Nessuna figura caratteriale è pura, ognuno di noi possiede un suo schema di difesa o diversi che appartengono alle figure caratteriali.

Le figure caratteriali si intravedono anche nella postura corporea, così come le emozioni: per quanto vogliamo trattenere il corpo ci tradisce automaticamente.

Nella C.U.I. , COMUNICAZIONE UMANA INTERATTIVA, ritrovo molto di ciò, con tante più sfaccettature.

Partiamo dai 7 C.P.I. Condizionamenti Primari Inconsci, ovvero affettivo, socievole, salutista, insicuro, comodo, lucroso e orgoglioso, compatibili con le 5 figure caratteriali. La postura legata a questi. I meccanismi di difesa. Stare centrati su se stessi, essere presenti.

Anche nei CPI si notano delle caratteristiche legate alla postura e al corpo:
L’interattività di questa disciplina, facilita l’espressione dell’individuo, accompagnandolo ad un’armonia psicofisica di se stesso.

Tutto tende a sciogliersi, offrendo alla persona una libertà espressiva anche nei movimenti corporei.

Sciogliendo le tensioni l’energia circola e possiamo percepire quelle parti di noi, che non sentivamo più.

Fate un gioco, mettete una persona davanti a voi di schiena, toccatela con le dita e chiedetegli con quante dita l’avete toccata.

Vi renderete conto che non tutti risponderanno esattamente.

La schiena è piena di tensioni: “ci guardiamo le spalle”, “ho il mondo sulle spalle”, “ho le spalle larghe” e tanti altri modi di dire.

Con il tempo e le esperienze di vita, abbiamo stratificato e costruito corazze per difenderci dal dolore e ahimè anche dal piacere.

La C.U.I. porta al centro l’essere umano nella sua unicità, mettendo la persona in condizione di ascoltarsi e di fidarsi di ciò che sente.

Fidandosi di sé apre le porte ad un dialogo personale molto intimo, ad essere autonomo e presente, meno condizionato da esperienze passate presenti e future.

 

Ascoltarsi è il primo atto di fiducia verso noi stessi.

Licia Ligios

Photo by Aiony Haust on Unsplash

Iscriviti alla Newsletter

* Richiesto

Voglio conoscere le novità di UPE tramite:

 

Cliccando su “Iscriviti” accetti che i tuoi dati vengano trattati secondo l’informativa sulla privacy e accetti di ricevere la newsletter mensile della nostra Università. Indicando la regione e il tuo nome, riceverai le notizie personalizzate, relative alla regione selezionata.
Puoi disiscriverti in ogni momento cliccando sul link in fondo alle nostre email.

 

Utilizziamo Mailchimp come nostra piattaforma marketing. Cliccando “Iscriviti”, acconsenti che le tue informazioni siano trasferite a Mailchimp per essere elaborate. Leggi qui a proposito del trattamento privacy di Mailchimp.

Può interessarti anche...

La Nuvola qui e ora
La Nuvola
Liberi come l'acqua
Liberi come l’acqua
Credenze Vs Credere, un racconto per riflettere.
Credenze Vs Credere, un racconto per riflettere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.