Munzer Kair

Capitolo 2

Munzer Kair

Ascolta il racconto

Il giorno arrivò ed io e mia figlia ci presentammo al loro appartamento al 55esimo piano. Avevo una teglia di lasagna in mano ed ero vestita un po’ alla Marta Marzotto per invecchiarmi un po’. Volevo che la moglie del mio amico non si ingelosisse di me, ma che capisse che ero lì solo per sperimentare e mi servivano bocche e palati a cui far testare le mie ricette.

Nonostante il Covid, fummo accolte in maniera calorosa soprattutto dalla figlia Zina e suo marito: indossavano delle strane tute spaziali nere per un allenamento con l’elettrostimolazione.

Il loro appartamento mi colpì molto perché era pieno di opere d’arte scultoree e quadri alle pareti. Abbiamo parlato delle lunghissime esperienze di lavoro del mio nuovo amico in Italia, da Messina fino in Trentino come ingegnere e poi della pandemia ancora agli albori. Il mio ospite già parlava di complotti per il dominio delle masse con la paura. Lui, anima libera, allegra e folle, a me sembrava così tanto normale, come io avrei voluto essere (Integrai).

Con grande dispiacere la mia lasagna non fece breccia nel cuore di Munzer Kair.
Il suo feed back non fu positivo, mi scrisse che era sciapa.

La figlia Zina con famiglia al seguito, marito e 3 figlie me ne ordinarono 3 tipi invece, una addirittura con la zucca perché Zina non mangiava carne e diventarono i miei più affezionati clienti. Lo credo bene, nessuno sapeva cucinare in casa e la domestica che viveva con loro era filippina e non conosceva altro che la cucina del suo paese di origine.

Dopo circa 10 giorni dal mio arrivo, mia figlia mi confessò che l’azienda di cui è socia azionaria con il suo compagno, non gli stava mandando più un dollaro e che avevano investito tutti i risparmi nell’affitto della penthouse che era utilizzata anche come ufficio. Per un anno avevano speso quasi tutto in viaggi per affari e un anello di fidanzamento costato ben 300 mila euro. Qui interrompo l’elenco perché se no la raggiungo dove si trova ora e la prendo a ceffoni.

… stay tuned.

Germana Guaraldi

Può interessarti anche...

Il mio secondo sogno lucido paura
Il mio secondo sogno lucido
Tutti e tre sotto lo stesso tetto e con la stessa scelta flusso di coscienza
Tutti e tre sotto lo stesso tetto e con la stessa scelta
Confessioni paura
Confessioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.