Le dimensioni contano

Il Bivio. L'allineamento

Quando si inizia ad allinearsi con il cuore, in modo molto naturale “emetto amore per me e per tutti” scoprirete che non c’è alcun motivo o costrizione che vi spinge a scegliere lo scomodo punto di vista della 4D inferiore. Questo avviene naturalmente e facilmente, perché è la lingua e la vibrazione con cui siete a vostro agio se lo volete e se vi concentrate su di essa.

È una scelta, una decisione volontaria.

Mentre il cambiamento accelera, il tempo collassa e tutto è nel momento presente, potreste ancora generare forme pensiero e conseguenti sentimenti in maniera inconscia, se pur fuori dall’abitudine di terza dimensione, certo, ma vivreste immediatamente e pienamente quel disagio nella vostra esperienza.

Oppure potete scegliere il vostro pensiero ed emozione in ogni momento, con particolare attenzione e consapevolezza e vivere la pienezza di quella esperienza.

In altre parole, vi conviene fare pratica con la capacità di scegliere i contenuti della vostra coscienza in questo momento, prima che serva davvero – e quel momento non è molto lontano…anzi è arrivato, siete d’accordo?

Sta tutto a voi.

Fino ad ora, il centro della testa, il luogo da dove è possibile scegliere i vostri pensieri e punti di attenzione, è stato pre-occupato anche dai pensieri degli altri. La vostra mamma, il papà, l’insegnante, il compagno/a hanno avuto ed espresso un parere circa il modo migliore in cui voi avreste dovuto vivere la vostra vita e, mentre i loro pensieri si sono insediati nella vostra testa, “voi” ve ne siete andati.

Ora è il momento di riprendere la proprietà del centro della testa e lasciare andare i pensieri innaturali che dicono per esempio “io non posso farcela” e “io non me lo merito” oppure “devo fare questo”. Ciò è possibile solo allineando il centro della testa con il vostro cuore, il posto dove risiede la verità ed il coraggio di rendere quest’ultima pubblica: solo attraverso un cuore coraggioso le paure possono essere cancellate e solo la VERITÀ ha questo incredibile potere.

Dirsi e dire la verità è la prima grande evidenza della ascensione dimensionale. La capacità di sostenerla, per quanto pesante possa essere, è il risultato del vostro allenamento.

Gioite e siate grati a voi stessi ogni volta che la verità sgorga dal cuore, ogni volta che lo fate interi banchi di dannose registrazioni negative semplicemente si dissolvono, l’effetto benefico sulle nostre cellule ha del miracoloso, senza la verità nulla funziona correttamente.

State per scoprire che presto tutti quei pensieri, con le loro connessioni di inter-blocco appiccicose nella 4ª dimensione inferiore possono essere definitivamente cancellati grazie all’allineamento ed alla integrazione dei nostri centri energetici dal più basso al più alto.

Soltanto mettendo la vostra attenzione sul tempo presente, sulla “bellezza” e sul “benessere”, o semplicemente essendo “felici” in uno stato di “semplicità”, eliminerete le vibrazioni minori memorizzate all’interno dei campi astrali inferiori della 4° dimensione.

Iniziate a giocare, perché non scordiamolo mai, di gioco si tratta (non prendetevi mai troppo seriamente) con la vibrazione di quelle che io chiamo opportune words (un po’ di inglese fa sempre un bell’effetto). Esseri superiori hanno selezionato queste parole per esempio come: “io sono capace”, “io sono presente”, “io sono gentile e felice”, “io sono grato”, “io mi merito ciò che mi spetta per condividerlo con gli altri” ecc ecc, in modo che possiamo più facilmente portare al livello conscio tutte le vibrazioni inconsce dal vostro spazio.

Suggerisco un semplice esercizio.

Scegliete una parola di queste ogni giorno e vivete con essa tutto il giorno, pensatela e sentitela spesso.

Se fate pratica a pensare e sentire queste vibrazioni ora, quando non è del tutto importante, esso diventerà la vostra abitudine quando servirà, come lavarsi i denti.

Se cominciate a riallinearvi con grazia alla pienezza del “sé” profondo, il vostro stato naturale di benessere vi solleverà in alto nella 4° dimensione.

Facile? Più o meno.

Semplice? Sì.

È un atto volontario? Sì.

Richiede responsabilità al 100%? Sì.

C’è bisogno di consapevolezza e di una scelta dal momento presente? Assolutamente sì.

Ci si può sedere in panchina e sperare che tutto vada bene? No.

Accresciuti livelli di luce elettromagnetica dalle dimensioni superiori sono ora a nostra disposizione in abbondanza? Sì.

Molte persone che sono in 3D non riescono a gestire questa ondata, e stanno scegliendo di uscire dai loro corpi? Sì.

E molti, molti di più seguiranno l’accelerazione dello spostamento ascensionale (evoluzione)? Sì.

Vedete, ognuno sta andando a casa attraverso la 4D verso la 5D, ma tutte queste case non si trovano sulla stessa linea temporale, e non tutti i percorsi sono fatti con la stessa facilità e grazia.

Voi, che strada sceglierete?

Con questo articolo concludo la lunga esposizione della 4ª dimensione perché la maggior parte di chi sta leggendo e comprendendo le mie parole si trova già al passaggio dimensionale e mi sembrava utile dare tutte le conoscenze che ho, limitate ma vissute.

Resta ancora una dimensione da presentare anche solo accennandola ed è la 5ª… da questa in poi la nostra parte divina, l’essere, avrà sempre più preponderanza e l’intelletto verrà molto ridimensionato.

Sinceramente scrivo “sono pronto ad incontrarlo?”

E voi?

Comitato Scientifico UPE

Iscriviti alla Newsletter

* Richiesto

Voglio conoscere le novità di UPE tramite:

 

Cliccando su “Iscriviti” accetti che i tuoi dati vengano trattati secondo l’informativa sulla privacy e accetti di ricevere la newsletter mensile della nostra Università. Indicando la regione e il tuo nome, riceverai le notizie personalizzate, relative alla regione selezionata.
Puoi disiscriverti in ogni momento cliccando sul link in fondo alle nostre email.

 

Utilizziamo Mailchimp come nostra piattaforma marketing. Cliccando “Iscriviti”, acconsenti che le tue informazioni siano trasferite a Mailchimp per essere elaborate. Leggi qui a proposito del trattamento privacy di Mailchimp.

Può interessarti anche...

relazione tra postura ed emozioni
Relazione tra postura ed emozioni – Il non verbale
Entanglement e teletrasporto: che relazione c’è?
Stardust

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.