L'ecosistema ecosistema

L'ecosistema

AudioBlog

Vorrei iniziare questo percorso sulle analogie tra la natura e il nostro mondo interiore parlando dell’unità funzionale di base dell’ecologia: l’ecosistema.

L’ecosistema è un sistema costituito dall’insieme di organismi che vivono in una determinata area, che interagiscono tra loro e con l’ambiente fisico-chimico, in maniera tale che si realizzino continui flussi di energia e materia all’interno di un sistema aperto. Un sistema aperto scambia energia con l’esterno; l’energia proveniente dal sole viene utilizzata dagli organismi fotosintetici, i cosiddetti produttori primari, per creare materia. Questa materia vivente, o biomassa, permette il supporto, attraverso le reti alimentari, di una serie di comunità di consumatori e di decompositori. Questi ultimi, dopo la morte degli organismi, facilitano la trasformazione e il riciclo della materia organica e dei nutrienti, rendendoli nuovamente disponibili per i produttori primari in un ciclo incessante.

Oltre alle relazioni a fini alimentari, le specie in un ecosistema stabiliscono tra loro molteplici interazioni, positive e negative, di competizione, mutualismo e simbiosi, che contribuiscono ad aumentare la complessità del sistema stesso. Allo stesso tempo, gli organismi interagiscono con l’ambiente fisico circostante e, con la loro stessa presenza, contribuiscono a modificarlo.

In un ecosistema, le due componenti organismi e ambiente, sono elementi imprescindibili e non separabili, così come sono imprescindibili lo scambio di materia e di energia e la ciclizzazione degli elementi.

Un ecosistema ha per definizione una dimensione spaziale limitata, ma questa non è fissa. Esistono moltissime tipologie di ecosistemi la cui estensione è estremamente variabile: da una piccola pozza d’acqua a sconfinate foreste o barriere coralline; la forza del concetto è quella di fornire una base per la comprensione di sistemi naturali con un elevato grado di organizzazione e complessità.

Come tutti i sistemi complessi, gli ecosistemi rappresentano delle unità il cui comportamento non è riconducibile alla mera somma delle singole parti. Nella complessità delle interazioni che si stabiliscono all’interno degli ecosistemi nascono delle nuove proprietà, dette proprietà emergenti, tra le quali la capacità di auto-regolarsi, di auto-organizzarsi e di rispondere alle perturbazioni cercando di auto-preservarsi. Anche la produzione di materia, il suo riciclo, e tutto il funzionamento degli ecosistemi esistono come caratteristiche emergenti, diverse dalla somma dei singoli componenti.

L’evoluzione della vita è un continuo flusso di energia e materia che si realizza attraverso le interazioni.

Sebbene a volte l’uomo tenda a sentirsi separato dal resto della natura, non dovremmo mai scordarci il nostro ruolo di specie all’interno degli ecosistemi. Siamo uno dei tanti elementi di un complesso sistema, la cui sussistenza è garantita dagli equilibri che si instaurano tra le sue varie componenti, viventi e non.

Allo stesso tempo la complessità che caratterizza il nostro mondo interiore e le relazioni con l’esterno e con gli altri, fanno sì che possiamo considerarci un po’ anche noi come dei sistemi aperti e complessi, dei piccoli ecosistemi. All’interno di ognuno di noi c’è un insieme di emozioni, processi cognitivi, esperienze e ricordi che interagiscono tra di loro, trasformandoci e trasformando la realtà che ci circonda.

Così come è necessario avere cura dell’ambiente in cui viviamo, perché è ciò che sostiene la vita, dovremmo avere cura dei nostri pensieri, che strutturano e regolano gli equilibri del nostro ecosistema interiore e determinano la qualità delle relazioni con il mondo esterno.

Anche per noi vale il principio delle proprietà emergenti; nell’ascolto interno, quando osserviamo, diamo voce e mettiamo in relazione pensieri ed emozioni, così come nella comunicazione e nell’interazione con gli altri, si crea qualcosa di nuovo che senza quella collettività e quello scambio non sarebbe esistito. Perciò l’ascolto verso se stessi e la condivisione delle esperienze sono processi importanti per la nostra crescita personale. È nella complessità delle interazioni che si sviluppano le proprietà emergenti, le quali a loro volta favoriscono il mantenimento e il benessere di tutto il sistema.

Nei prossimi incontri continueremo a parlare delle proprietà degli ecosistemi, dei loro processi di trasformazione ed evoluzione nel tempo e nello spazio e dei meccanismi che ne regolano la stabilità.

A presto

Martina Pierdomenico

Voce di Chiara Lenzi

Può interessarti anche...

Ecologia non significa ambientalismo
Ecologia non significa ambientalismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.