Stardust

Stardust

Qualche settimana fa una nostra amica che condivide il percorso di UPE ci ha mandato questo stupendo pensiero della scrittrice Ella Frances Sanders: “Il carbonio che è in te potrebbe essere esistito in qualsiasi altra creatura o disastro naturale. Prima di sceglierti come casa, quel particolare atomo che si trova sopra il tuo sopracciglio sinistro, potrebbe essere stato un ciottolo sul letto di un fiume. Sei roccia, onda e corteccia degli alberi, sei una coccinella e l’odore di un giardino dopo che ha piovuto.”

Siamo un tutt’UNO con quello che ci circonda… ma non solo quello che vive o giace sul nostro bellissimo Pianeta, ma con tutto quello che si trova nell’Universo! Infatti, già una quarantina d’anni fa l’astronomo Carl Sagan diceva che “siamo costituiti della stessa materia delle stelle, dall’azoto nel nostro DNA, dal calcio nei nostri denti e dal ferro nel nostro sangue”. Le stelle sono dentro di noi quindi… ma come hanno fatto ad arrivare sino a noi, vista la loro enorme distanza dal Sistema Solare?

Per risolvere questa domanda i ricercatori della Northwestern University nel progetto Fire (Feedback in realistic environments) hanno utilizzato un computer che ha simulato l’ambiente intergalattico.

Le simulazioni effettuate (qui il video youtu.be/6dUh_d7WJ-w) hanno mostrato che le esplosioni di supernova all’interno delle galassie espellono enormi quantità di gas, causando il trasporto di atomi da una galassia all’altra attraverso potenti venti galattici. Anche se le galassie sono molto distanti l’una dall’altra, i venti galattici propagano materiale a diverse centinaia di chilometri al secondo e per diversi miliardi di anni questo processo ha infuso nuovo materiale nelle galassie, innescando la formazione stellare.

Tracciando in dettaglio i complessi flussi di materia nelle simulazioni, il team di ricerca ha scoperto che il gas scorre da galassie più piccole a galassie più grandi, come la Via Lattea, dove il gas forma le stelle. Questo trasferimento di massa attraverso i venti galattici può rappresentare fino al 50% della materia nelle galassie più grandi, come ad esempio la Via Lattea, hanno detto i ricercatori.

In sostanza, la metà della materia di cui siamo fatti proviene da stelle in altri angoli dell’Universo.

Siamo polvere di stelle e siamo fatti per brillare.

Comitato Scientifico UPE

Photo by Kyle Wong on Unsplash

Iscriviti alla Newsletter

* Richiesto

Voglio conoscere le novità di UPE tramite:

 

Cliccando su “Iscriviti” accetti che i tuoi dati vengano trattati secondo l’informativa sulla privacy e accetti di ricevere la newsletter mensile della nostra Università. Indicando la regione e il tuo nome, riceverai le notizie personalizzate, relative alla regione selezionata.
Puoi disiscriverti in ogni momento cliccando sul link in fondo alle nostre email.

 

Utilizziamo Mailchimp come nostra piattaforma marketing. Cliccando “Iscriviti”, acconsenti che le tue informazioni siano trasferite a Mailchimp per essere elaborate. Leggi qui a proposito del trattamento privacy di Mailchimp.

Può interessarti anche...

Il tempo che vola e il tempo che non passa mai tempo non passa mai
Il tempo che vola e il tempo che non passa mai
Pensare con il cuore Cuore
Pensare con il cuore
relazione tra postura ed emozioni
Postura ed emozioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.