Il Mandala e i suoi benefici mandala significato

Il Mandala e i suoi benefici

AudioBlog

La parola “mandala” fa parte della lingua sanscrita che deriva a sua volta dal tibetano.

Se la scomponiamo possiamo vedere chemandasignifica “totalità”, mentrelasignifica “colui che possiede l’essenza”.

Tradotta letteralmente dal sanscrito la parola significa “cerchio” o “ciclo” e riporta alla ciclicità dell’universo.

Il mandala viene realizzato in settimane o mesi di lavoro con piccole polveri o sabbie colorate che i monaci buddisti riversano su una superficie con dei piccoli imbuti, creando meravigliose composizioni geometriche.

Viene colorato, disegnato e creato dal nulla. Ciò che è spettacolare è che, una volta terminato questo capolavoro, il mandala viene distrutto e cancellato.

Questo perché il mandala è simbolo di vita e la vita termina e poi rinasce. È quindi unione di forza distruttrice e forza che dà vita allo stesso tempo.

Inoltre è comprovato che colorare e disegnare mandala produce effetti benefici sulla mente e sul corpo, alleggerendo la tensione dello stress mentale che accumuliamo durante le nostre giornate.

“I mandala sono pensati per aiutarci ad accantonare le preoccupazioni e a concentrarci sul presente, motivo per cui sono una potente risorsa di rilassamento.”

Nello specifico i benefici che producono:

  • Facilitano l’equilibrio
  • Infondono una sensazione di pace e serenità
  • Si prova una sensazione di tranquillità nel contemplarli
  • Favoriscono la concentrazione
  • Facilitano la piena attenzione
  • Permettono di mettere da parte i pensieri e di lasciar fluire la creatività
  • La disposizione delle figure trasmette una sensazione di equilibrio

 

Nei momenti “no”, un bel mandala può aiutarci a ritrovare la nostra presenza e respiro nel presente.

 

Denise Silvestri

Voce di Chiara Lenzi

Può interessarti anche...

Siamo i ragazzi di oggi felicità
Siamo i ragazzi di oggi
L’alimentazione d’estate- I consigli del nutrizionista Antonio Zinni alimentazione sana
L’alimentazione d’estate- I consigli del nutrizionista Antonio Zinni
Essere
Essere “paziente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.