Un contributo di Martina Caldi

Specchio 4

Lo specchio ''delle dipendenze''

 

Il quarto specchio esseno dei rapporti umani ci permette di osservare noi stessi in uno stato di i 7 specchi esseni specchio delle dipendenzedipendenza e compulsione. Come dipendenze si intendono non soltanto la dipendenza dall’alcool, dalla nicotina, dalle droghe, dai farmaci, ma anche dal sesso, dal potere, dal lavoro, dal sentire sempre il bisogno di fare cose senza fermarsi mai e via dicendo.

Attraverso la dipendenza e la compulsione, noi rinunciamo lentamente alle cose a cui teniamo di più; mentre le cediamo, piano piano, vediamo noi stessi abbandonare le cose che più amiamo.

Esse ci allontanano dalle cose importanti della nostra vita. Possiamo paragonarle a delle convinzioni radicate, le quali ci distanziano dalla purezza originaria dalla quale veniamo. Queste dipendenze diventano dei veri e propri bisogni che lentamente, ma neanche troppo, vanno a sostituire passioni e talenti che non abbiamo sviluppato del tutto,  ai quali abbiamo rinunciato o che abbiamo dimenticato di avere.

Soffermiamoci a pensare un attimo… È possibile che durante lo scorrere della nostra vita possiamo aver messo in atto comportamenti e “maschere” ai fini di raggiungere un nostro obiettivo, senza renderci conto che, per arrivare ad esso,  magari abbiamo dovuto rinunciare a qualcosa al quale probabilmente tenevamo ancor di più? Se la risposta fosse si, siamo nel IV specchio. Un facile esempio: se ci basassimo sulla dipendenza dal potere, potrebbe essere una persona che per arrivare a ricoprire un alto ruolo di prestigio e comando sul lavoro, magari ha tralasciato e messo da parte l’amore per la famiglia, per i figli, per gli amici. Questo è solo un esempio al limite, per comprendere, ma spesso è proprio così che accade.

Solo noi, dentro di noi, sappiamo quale sia la passione alla quale abbiamo rinunciato mentre cedevamo ad una dipendenza, e siamo anche solo noi che scoprendolo e capendolo, in qualsiasi momento della nostra vita, possiamo ritornare sui nostri ”vecchi passi” e riconquistarci. Tornare ad essere Noi.

Grazie, e al prossimo capitolo con il V specchio, a mio parere uno dei più complessi!

Martina Caldi

Gli altri articoli sui 7 Specchi Esseni: Clicca qui


 

unsplash-logoDmitry Ermakov
 
Copertina a Cura di Maddalena Sarotto

Può interessarti anche...

Conoscere le emozioni, la base per essere bravi comunicatori
RomanaMente – Una sera d’estate
Chaplin e la Comunicazione Umana Interattiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.