Scala le montagne, supera le paure, non farti fermare dalle tue abitudini e dalla zona di comfort

Il cambiamento, l’incertezza, le novità… parole che in altri scatenano reazioni positive come entusiasmo e senso di avventura, per me sono sinonimo di minaccia e instabilità.

Ci convivo da sempre e, anche se col tempo ho imparato a gestirmi un po’, la prima reazione che avverto nello stomaco è sempre la stessa. Eppure lo so, a fare sempre le stesse cose, a restare ancorati ai soliti sistemi, si perde slancio e entusiasmo, e si perdono pure tante nuove occasioni, senza contare il fatto che si mettono in discussione le proprie capacità e potenzialità.

Da quando frequento il corso UPE, devo ammettere che tante cose in me sono cambiate, decisamente in meglio.
Abbiamo appreso che il primo principio della comunicazione è l’ascolto, in questo caso l’ascolto di me stessa, e qui ho fatto dei passi importanti, vincendo alcune mie paure, fosse solo quella di esporre le mie considerazioni in pubblico, senza aver paura del giudizio.

Tornando indietro negli anni e riascoltandomi, mi rendo conto che mandavo messaggi negativi che mi impedivano di trovare la versione migliore di me stessa: “non posso”, “non sono capace”, “sto bene così”. Oggi mi rendo conto che essere la versione migliore di me stessa significa impegnarmi, correre dei rischi, sapere che in alcuni casi si può avere successo, in altri fallimento. Correre il rischio significa anche uscire dalla cosiddetta “zona di comfort”, dalle circostanze che ci circondano e che accettiamo.

Ogni nuovo cambiamento sarà una grande fonte di motivazione personale per andare avanti.

Sono convinta che più si crescerà e si affronteranno i cambiamenti superando le nostre paure, più si riderà di noi stessi e di quanto si era deboli in passato, notando inoltre le scuse che si usavano e i problemi che di creavano.

Mettersi in discussione con sé stessi porta a scoprire anche i nostri lati, buoni e cattivi, fa acquisire più fiducia nelle proprie capacità di adattamento e flessibilità, e si iniziano ad affrontare le sfide con coraggio, ricordandoci che

TUTTO CIÒ CHE VOGLIAMO È DALL’ALTRA PARTE DELLA PAURA.

unsplash-logoIan Froome

Può interessarti anche...

La Comunicazione Umana Interattiva: storia di un’avventura
Essere connessi…
l'amore è cieco perché accecata dai suoi bisogni e dalle sue illusioni, la principessa che credeva nelle favole, non vede che l'amato non è chi lei crede che sia. In UPE Università Popolare Evoluzione umana, ti aiutiamo a recuperare la vista attraverso la vera comunicazione con te stesso, con la CUI Comunicazione Umana Interattiva
La principessa che credeva nelle favole

Alice Cau

Iscritta ai corsi di UPE Università Popolare per l'Evoluzione Umana

2 comments

  1. Piera

    Dovremmo imparare un po’ tutti ad uscire dalla nostra “zona comfort “.Rischiare, avere degli obbiettivi, cambiare , sono il sale della vita e ci mantengono vivi .
    Bellissimo articolo !!!

    1. Lisa Lupi

      Grazie Piera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.