storie di citta
Come da un giorno qualunque e da una qualunque chiacchierata tra amici nasce un’idea originale che, annaffiata di volontà e passione, diventa una realtà speciale.

Spesso le buone idee nascono così, per caso, da una chiacchierata appassionata tra amici. Metti la passione per la letteratura, la curiosità e le emozioni che un posto, una città ti possono suscitare, aggiungi un gruppo di familiari ed amici di tre generazioni e i loro diversi punti di vista che in un giorno qualsiasi si trovano a chiacchierare sulla sgradevolezza delle scritte sui muri, ed ecco che prende forma una bellissima iniziativa.

Ho avuto il piacere di parlare con Alida Caiello, una delle ideatrici di “Storie di Città”, un sito internet che fa parte di un progetto letterario di massa dedicato a chi ama scrivere e leggere poesie e racconti, con la particolarità di geolocalizzare su una mappa i posti da dove gli autori hanno tratto ispirazione.

“Parlavamo un giorno della bruttezza di scrivere sui muri ma di quanto è altrettanto bello lasciare un messaggio, un segno, andare in un posto e mentre lo si visita, leggere l’emozione che ha provato un’altra persona passando di lì e lasciarci anche un pezzettino di noi.”
– racconta Alida, che si definisce l’anziana del gruppo, formato anche dai figli, da un nipote ed altri amici oltre alla sfera familiare.

Hanno iniziato ragionando sul fatto che sarebbe stato bello unire la letteratura con il bello di ogni paese, “come scrivere sui muri, ma senza sporcare la città” e così hanno creato il sito.

Sul sito si possono pubblicare gratuitamente storie vere, verosimili o di fantasia e poesie, tutte originali ed è fondamentale che siano poi geolocalizzate su una mappa, nel luogo dove sono state ambientate o di ispirazione.

Questa è la particolarità di Storie di Città:

“Come mettere qualcosa in più di quello che dicono le guide turistiche”
Spiega Alida e poi continua:
“Quando visiti un luogo sulla guida trovi chi ha costruito quella fontana, se ci è passato Napoleone o se lì ha dormito un poeta. Noi volevamo aggiungere cosa ha provato e pensato l’uomo qualunque quando è passato di lì.”


Ma non si tratta di un sito di viaggi, perché lo scrittore può raccontare storie di un luogo perché ci vive, ci è passato, l’ha visto in un libro o in una trasmissione, vorrebbe visitarlo, c’è nato il suo amore, l’ha sognato o semplicemente perché lo emoziona per qualche ragione.

Spesso quando si legge un racconto che  ci coinvolge si comincia ad immaginare lo scenario, a fantasticare come può essere quel paese, la piazza, il ruscello, l’architettura delle case;  magari viene voglia di andare a conoscere quel luogo e passeggiare tra le strade e campi laddove i personaggi sono passati… proprio pensando a questo Storie di Città ha deciso di geolocalizzare tutte le storie pubblicate e in più di mettere il link di “Google Street View” affinché i lettori possano esplorare virtualmente il palcoscenico di quei racconti.

Un altro aspetto interessante, che con l’arrivo delle storie gli organizzatori hanno riscontrato, è quello sociologico.

Ricevono storie da Lampedusa sull’immigrazione, sull’handicap e anche sul degrado urbano. “Mi sembra che stiamo facendo una bella mappa dell’Italia”, dice Alida.

Gli autori possono promuovere gratuitamente i loro libri e gli appassionati di lettura possono trovare tante storie collegate: così Storie di Città è diventata una grande comunità tra autori e appassionati di letteratura.

Da pochi mesi online, quello che è partito come un gioco sta diventando un vero lavoro che attualmente conta una media di 40 storie al mese, metà delle quali poesie, qualcuna anche in dialetto.

Il gruppo fa un lavoro accurato di lettura e controllo delle storie che arrivano e tiene i contatti con gli autori i quali, oltre a pubblicare i loro racconti, possono anche promuovere i loro libri.

Hanno cominciato piano piano ma, come dice Alida, si sono resi conto di avere una bella creatura tra le mani, di aver avuto una bella idea e, innamorandosi del proprio progetto, credono di poterlo far crescere con molta cura.

Grazie agli splendidi e sempre più numerosi scrittori che condividono la loro passione sul sito, stanno “disegnando” insieme una mappa “sui generis” del nostro Paese.

Visitate www.storiedicittà.it per scoprire le emozioni e i racconti in tanti angoli della nostra bellissima Italia e – perché no! – mandate anche voi le vostre storie.

Può interessarti anche...

Lyoness
Impegno e autodisciplina, per il benessere non ci sono scorciatoie
“SposaMi Così”, l’avventura del “nostro” Dottor Gioia.
102 Chili sull’anima, storia di una donna “di peso” che ha riscoperto la gioia di vivere

Renata Bocchetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *