Evoluzione, Upe, UniUpe, Università Popolare Evoluzione Umana, CUI, Comunicazione Umana Interattiva, Corsi di formazione di comunicazione umana interattiva, Corsi di formazione, Comunicazione, corsi di formazione in comunicazione, Comunicare, Connessioni neuronali, Memoria, Consolidamento della memoria, Intensità delle sinapsi, Science, Connessione tra neuroni, Ipotesi dell'omeostasi sinaptica, Nuovi ricordi, Apprendimento, Sonno, Chiara Cirelli, Giulio Tononi, Wisconsin Center for Sleep and Consciousness, Corteccia cerebrale, Assottigliamento delle sinapsi, Graham Diering, Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimore, neuroni postsinaptici, Proteina Homer1a,

Cosa succede alle nostre connessioni neuronali mentre dormiamo? 

Scopriamolo in questo interessante articolo. 

Quale funzione ha il sonno per il nostro cervello? Alcuni esperti ritengono che sia una funzione ristorativa, per riparare i danni da usura nel macchinario cellulare. Un’altra scuola di pensiero ritiene invece che sia fondamentale per il processo di consolidamento della memoria e di altri processi cognitivi.

Due nuovi studi pubblicati su “Science” corroborano ora una terza ipotesi: il sonno serve a far diminuire d’intensità le sinapsi, le connessioni tra i neuroni, controbilanciando così l’aumento d’intensità che si verifica durante il giorno.

Quando il cervello è in stato di veglia, infatti, ciascuna sinapsi è ripetutamente attivata, e quindi aumenta d’intensità, un processo ritenuto importante per l’apprendimento e la memoria.

Secondo l’ipotesi dell’omeostasi sinaptica, tuttavia, a un certo punto deve intervenire qualche meccanismo che bilanci questa crescita, per evitare la saturazione delle sinapsi e l’annullamento della segnalazione neurale e delle memorie.

L’idea è che i neuroni vadano incontro a una riduzione di scala: in sostanza, tutte le sinapsi di una rete neurale diminuiscono d’intensità della stessa percentuale, lasciando inalterata l’intensità relativa, e permettendo così la continuazione dell’apprendimento e della formazione di nuovi ricordi.
E il sonno è probabilmente il momento migliore per questo processo di rinormalizzazione, perché quando siamo addormentati poniamo molta meno attenzione al mondo esterno.

Quando le sinapsi aumentano d’intensità, diventano anche più grandi, e invece si contraggono quando s’indeboliscono. Per questo motivo, Chiara Cirelli e Giulio Tononi del Wisconsin Center for Sleep and Consciousness, autori del primo studio, hanno pensato di determinare se le dimensioni delle sinapsi cambiassero tra sonno e veglia. Hanno quindi analizzato le immagini ad altissima risoluzione di corteccia cerebrale di diversi topi, ottenute con una tecnica di microscopia elettronica tridimensionale, misurando le dimensioni di ben 6.920 sinapsi.

Hanno poi verificato, per ciascuna sinapsi, a quale topo apparteneva e per quanto tempo aveva dormito l’animale nelle 6-8 ore precedenti alla registrazione dell’immagine. Hanno infine scoperto che poche ore di sonno hanno portato in media a una diminuzione delle dimensioni delle sinapsi, in entrambe le aree della corteccia cerebrale studiate e in misura proporzionale alle dimensioni delle sinapsi.

Il ridimensionamento si è verificato nell’80 per cento delle sinapsi, ma ha risparmiato quelle più grandi, a cui sono associate le tracce di memoria più stabili.

“Da notare che gran parte delle sinapsi nella corteccia subisce un grande cambiamento nelle dimensioni con sole poche ore di veglia e di sonno”

ha spiegato Cirelli.

“Estrapolando dai topi agli esseri umani, i nostri risultati implicano che ogni notte migliaia di miliardi di sinapsi nella nostra corteccia si assottigliano di circa il 20 per cento”

ha aggiunto Tononi.

Nel secondo studio, Graham Diering e colleghi della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimore, nel Maryland, hanno esaminato le proteine che costituiscono i recettori posti sui neuroni postsinaptici nel cervello di topi, in particolare in due aree cerebrali fondamentali per apprendimento e memoria: l’ippocampo e la corteccia. L’analisi ha dimostrato che nei roditori si verifica una diminuzione del 20 per cento nei livelli di proteine recettoriali, indicativo di una diminuzione d’intensità delle sinapsi.

Per verificare quali molecole fossero responsabili del fenomeno dell’omeostasi, gli autori hanno studiato in particolare Homer1a, una proteina nota per il suo ruolo nella regolazione del ciclo sonno-veglia. Dall’analisi è risultato che nelle sinapsi dei topi addormentati i livelli di questa proteina erano superiori del 250 per cento rispetto a quelli dei topi svegli.
La connessione tra Homer1a e omeostasi è presto spiegata da un test su topi ingegnerizzati in modo da non esprimere la proteina: la diminuzione delle proteine recettoriali associate al sonno non si manifestava più.

Tratto da “Le Scienze” del 3 febbraio 2017

Di seguito i link agli studi citati nell’articolo:

www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5313037/

unsplash-logoAnnie Spratt

Può interessarti anche...

Stimolazione cerebrale profonda e memoria
l'amicizia è uno dei tanti argomenti che trattiamo nei corsi di comunicazione CUI di UPE Università Popolare Evoluzione Umana
La firma neuronale dell’affinità fra amici
Luce e impulsi neuronali al cervello
Impulsi di luce e attività neuronale

Alessandra Fais

Medico, comitato scientifico UPE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *