Un contributo di Denise Silvestri


 
E così dopo la lunga pioggia e il rigido inverno arriva l’estate con il suo nuovo brio, le giornate più lunghe che quasi sembrano non finire.

Una passeggiata tra i boschi è proprio quel che ci vuole per staccare la mente e stare un attimo QUI E ORA… giusto il tempo per imparare a volare, a sognare, dormire bene con la finestra aperta o in campeggio… ma sempre muniti di citronella anti zanzare!

Tra una foglia e l’altra mossa dal vento e illuminata dal sole, riscopri i profumi di una natura amica e silenziosa che ti accompagna a distendere i tuoi pensieri, a vederli in diverso modo, a perderti lasciandoti andare alla dolcezza dello scorrere del fiumiciattolo vicino.

E pensi tra un respiro e l’altro che siamo canali d’acqua in continuo movimento inconsapevoli di scorrere verso un mare più grande chiamato Vita.

Ogni sasso ci ha reso quello che siamo stati finora e altri che si sono accostati sulle sponde hanno permesso un nuovo inizio.

I problemi passo dopo passo si assottigliano, diventano piccoli pezzetti di specchio che riflettono il bisogno di distacco e di rientro in se stessi per depurarsi e riprendere le energie.

Come un viaggio che ti prepara a decollare, destinazione il vivere. Ti senti più libero di volare e iniziare ad affrontare i mesi che verranno con più ironia, fiducia senza prendere e prendersi troppo sul serio.

In fondo la natura non si sforza di essere, è… e un poco come le foglie che ad ogni brezza di vento che incontrano si librano leggere in aria giocando, così si impara a volare felici tra una nuvola e l’altra in questo verde mare.

 

 

 


 
unsplash-logoDakota Roos

Può interessarti anche...

Pippi: amore per la vita nonostante tutto
La ragazza dal montgomery rosso
Un respiro e via, il corpo che parla

Denise Silvestri

Social Media Manager di UPE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.