Un contributo di Paola Lai


 

Essere connessi…

 

A cosa? Alla rete, al cuore, all’Universo?

Viviamo nell’era tecnologica che ci impone di essere connessi sempre alla rete, quindi con il mondo intero, troppo presi a digitare su minuscole tastiere…

Crediamo di parlare con gli altri, in realtà queste nuove tecnologie rischiano di cancellare la possibilità di comunicare in maniera autentica e diretta.

Lo schermo è come uno scudo protettivo… a volte ci sentiamo al riparo, sicuri di poter controllare e non far trapelare le nostre emozioni, e che l’altro ovviamente non riuscirà a percepire nel messaggio virtuale.  Lo schermo fa da filtro ed è come indossare una maschera…

Ma se ci si abitua troppo al virtuale i rapporti, tra gli Esseri Umani, si impoveriscono.

Ci ritroviamo così a non guardare più nessuno negli occhi, a non sentire la sua voce che cambia i toni e le vibrazioni… a non vedere i micro gesti che fanno parte della comunicazione non verbale…

Noi che aneliamo ad una connessione internet 24 ore su 24 … perché non proviamo ad essere connessi l’uno all’altro non solo virtualmente? La vita frenetica ci ruba il tempo…di vederci, di perderci negli sguardi… come possiamo permettere tutto questo?

Nella realtà, incontriamo un amico, un’amica ma non siamo più in grado di sostenere una conversazione senza guardare continuamente il nostro cellulare…  – il cellulare – sì che ci illude di “essere collegati” …altroché.

A volte accade che dimentichiamo di sentire e di ascoltare l’altro, dimentichiamo di dare importanza all’amica che ci chiede un consiglio, che ci parla di un progetto, che vorrebbe soltanto una carezza.

Possiamo davvero rinunciare al calore immenso di un abbraccio? L’abbraccio così potente nel trasmettere emozioni e sentimenti…

Le emozioni sono strumenti fondamentali per la nostra sopravvivenza, bussole per orientarci nel mondo.

Eppure basterebbe poco per ritrovare la connessione con gli altri, con l’Essere Umano… è la connessione del cuore: basterebbe guardarsi dentro, fermarsi a riflettere, respirare profondamente, camminare nella Natura, sentire il profumo della terra e dell’erba appena tagliata… odori che immediatamente ci proiettano immagini e situazioni che sembrano ormai lontane…

La Comunicazione Umana Interattiva è un modo meraviglioso per descrivere cosa ci accade, oserei dire che ci permette di decriptare le emozioni.

Potremmo addirittura scoprire che i nostri sensi non sono del tutti addormentati e che attraverso le vibrazioni che emettiamo, per risonanza possiamo comunicare con i nostri cari, con i nostri amici… per CUI con l’Universo.

Possiamo scegliere, rimaniamo connessi… ma con il Cuore!

Può interessarti anche...

La Comunicazione Umana Interattiva: storia di un’avventura
l'amore è cieco perché accecata dai suoi bisogni e dalle sue illusioni, la principessa che credeva nelle favole, non vede che l'amato non è chi lei crede che sia. In UPE Università Popolare Evoluzione umana, ti aiutiamo a recuperare la vista attraverso la vera comunicazione con te stesso, con la CUI Comunicazione Umana Interattiva
La principessa che credeva nelle favole
Cambiare prospettiva? Questione di binari.

Paola Lai

Vice Presidente UPE Toscana - Iscritta ai corsi UPE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.